OggiParliamoDi.it

Il primo trasferimento di embrioni riuscito al mondo in un rinoceronte apre la strada per salvare i rinoceronti bianchi settentrionali dall’estinzione

BioRescue, un consorzio internazionale di scienziati e ambientalisti, è riuscito a ottenere la prima gravidanza al mondo di un rinoceronte dopo il trasferimento di un embrione. L’embrione di rinoceronte bianco meridionale è stato prodotto in vitro da ovuli e sperma raccolti e trasferito in una madre surrogata di rinoceronte bianco meridionale presso la Ol Pejeta Conservancy in Kenya il 24 settembre 2023. Il team di BioRescue ha confermato una gravidanza di 70 giorni con un risultato positivo. sviluppato un embrione maschio lungo 6,4 cm. Il successo del trasferimento di embrioni e della gravidanza sono una prova di concetto e consentono ora di passare in sicurezza al trasferimento di embrioni di rinoceronte bianco settentrionale, una pietra miliare nella missione di salvare il rinoceronte bianco settentrionale dall’estinzione.

Il 24 settembre 2023, gli scienziati e veterinari di BioRescue, guidati dall’Istituto Leibniz per la ricerca sullo zoo e sulla fauna selvatica (Leibniz-IZW), hanno trasferito due embrioni di rinoceronte bianco del sud a Curra, un rinoceronte bianco del sud, selezionato come madre surrogata all’Ol Conservazione di Pejeta in Kenya. Gli ovociti utilizzati per produrre gli embrioni sono stati recuperati da Elenore, un rinoceronte bianco del sud che vive nello zoo Pairi Daiza in Belgio. Lo sperma utilizzato per la fecondazione proveniva dal maschio Athos dello zoo di Salisburgo a Hellbrunn, in Austria. Gli ovociti di Elenore sono stati fecondati in vitro mediante iniezione intracitoplasmatica di spermatozoi (ICSI) e sviluppati in blastocisti presso i laboratori di Avantea a Cremona, Italia. Per il trasferimento di embrioni in Kenya, gli scienziati di BioRescue hanno trasferito due embrioni per aumentare le possibilità di un esito positivo.

Finora, il team di BioRescue ha eseguito 13 trasferimenti di embrioni di rinoceronti, tre in Kenya e dieci in Europa. In precedenza, il trasferimento di embrioni, che è una tecnica ampiamente utilizzata nelle specie domestiche, non era mai stato tentato nei rinoceronti. Gli scienziati di BioRescue hanno sviluppato le tecniche necessarie, basandosi su decenni di ricerca propria.

Attualmente al mondo sono rimasti solo due rinoceronti bianchi settentrionali: la femmina Najin e sua figlia Fatu. Inoltre, le cellule viventi di 12 diversi individui di rinoceronte bianco settentrionale vengono conservate in azoto liquido. Le ultime due femmine vivono attualmente in Kenya, presso la Ol Pejeta Conservancy, dove sono custodite e accudite giorno e notte. Dal 2019, il programma scientifico di conservazione BioRescue ha prodotto e crioconservato 30 embrioni di rinoceronte bianco settentrionale. Questi sono attualmente conservati in azoto liquido a meno 196 gradi Celsius a Berlino, in Germania, e a Cremona, in Italia, in attesa del trasferimento degli embrioni in madri surrogate di rinoceronte bianco del sud. Il trasferimento riuscito di un embrione di rinoceronte bianco del sud è una prova di concetto che consente di compiere questo passo cruciale – un trasferimento di embrioni con un embrione di rinoceronte bianco del nord – per la prima volta.

Il trasferimento di embrioni in questa sottospecie è un terreno completamente nuovo come procedura veterinaria e scientifica e tutti i protocolli, i metodi e le attrezzature hanno dovuto essere sviluppati da zero. Come è prassi consolidata in tutte le procedure BioRescue, i trasferimenti di embrioni sono accompagnati da una valutazione etica condotta dall’Università di Padova. Questo è avvenuto anche a settembre, quando tutti i partecipanti al trasferimento di embrioni hanno compilato un questionario che proponeva tutti i possibili scenari durante la procedura e i rischi connessi per gli animali e i partecipanti.

Il toro teaser vasectomizzato e sterile Ouwan si è accoppiato con Curra il 17 e 18 settembre, segnalando il momento ideale per il trasferimento dell’embrione, avvenuto il 24 settembre. Dopo la procedura fino a novembre 2023, Curra è stata monitorata quotidianamente nel recinto di la Conservazione di Ol Pejeta. Durante questo periodo, Ouwan non mostrò più interesse per Curra, primo segno di un trasferimento di embrioni riuscito con conseguente gravidanza. La squadra di BioRescue avrebbe dovuto eseguire un controllo di gravidanza a Curra il 28 novembre, ma il toro teaser Ouwan è stato trovato morto il 22 novembre e Curra è stata trovata morta il 25 novembre. Apparentemente, piogge estremamente forti hanno portato all’allagamento del recinto surrogato e liberare le spore dormienti dei clostridiani. La dissezione degli animali ha rivelato una grave infezione sistemica da parte di un ceppo batterico clostridiano e una conseguente intossicazione da parte della tossina batterica. Ha anche rivelato che Curra era incinta di un feto maschio di 70 giorni che era lungo 6,4 cm. Campioni di tessuto del feto sono stati raccolti e trasportati al Centro Max Delbrück di medicina molecolare e al Leibniz-IZW di Berlino, in Germania. Nel gennaio 2024, attraverso l’analisi del DNA del feto, è stato confermato che la gravidanza era il risultato del trasferimento dell’embrione.

Quando il team BioRescue arrivò in Kenya il 28 novembre, i risultati preliminari indicarono un’intossicazione da ceppi batterici clostridiani Paraclostridium bifermentans E Paenicolostridium sordellii. Immediatamente dopo l’incidente, il team di BioRescue, comprendente il Kenya Wildlife Service, il Wildlife Training Research Institute, l’Ol Pejeta Conservancy e il Safari Park Dvur Králové, hanno formato una squadra di crisi sul posto e hanno stabilito misure rapide ed efficaci per proteggere tutti i rinoceronti attualmente semi-in cattività, compreso l’ultimo due rinoceronti bianchi settentrionali Najin e Fatu. Le misure comprendevano un programma di vaccinazione, la quarantena delle aree colpite e la recinzione di nuovi recinti di emergenza.

I passi successivi nel programma di ricerca BioRescue includevano la selezione e la preparazione di un nuovo toro teaser. Il toro permetterà agli scienziati di sapere quando una possibile donna surrogata sarà pronta per ricevere l’impianto di un embrione. Il team deve anche selezionare le prossime madri surrogate. Dopo questi passaggi, che richiederanno diversi mesi, verrà tentato il trasferimento embrionale con un embrione di rinoceronte bianco settentrionale.

Il programma di ricerca BioRescue è sostenuto dal Ministero federale tedesco dell’Istruzione e della Ricerca (BMBF) per un periodo di sei anni con un massimo di circa 6 milioni di euro.

Thomas Hildebrandt, capo del progetto BioRescue, Leibniz-IZW, ha affermato: “La tecnica di trasferimento degli embrioni è ben consolidata per gli esseri umani e per gli animali domestici come cavalli o mucche. Ma per i rinoceronti è un territorio completamente inesplorato e qualsiasi cosa, dall’approccio ai protocolli procedurali, “Le attrezzature necessarie dovevano essere inventate, sviluppate, provate e testate per essere sicure per l’uso. Insieme al team e a molti partner professionali, ho sviluppato i dispositivi che possono effettivamente trovare e accedere alla posizione richiesta dove inserire il piccolo embrione in un 2 -tonnellata. Ci sono voluti molti anni per farlo bene e siamo sopraffatti dal fatto che ora abbiamo la prova che questa tecnica funziona perfettamente. È amaro che questo traguardo sia confermato in circostanze così tragiche con la morte della madre surrogata Curra e del suo vitello non ancora nato , ma sono certo che questa prova di concetto rappresenti una svolta decisiva per la sopravvivenza del rinoceronte bianco settentrionale e per la salute degli ecosistemi centroafricani. Giunge giusto in tempo per ottenere una gravidanza per i rinoceronti bianchi settentrionali: vogliamo che il i piccoli dovranno vivere insieme a Najin e Fatu per anni per apprendere il comportamento sociale dei suoi simili. Sebbene gli embrioni possano essere conservati nell’azoto liquido per un periodo molto lungo, abbiamo fretta di portare sulla terra un cucciolo di rinoceronte bianco settentrionale: con questa prova di concetto può diventare realtà in due o tre anni. BioRescue ha così tanto successo perché siamo stati in grado di formare una squadra così grande chiamata BioRescue Consortium. Molto probabilmente questa è una delle differenze significative rispetto ad altri approcci di conservazione impegnativi”.

Source link

Cosa vuoi trovare?