OggiParliamoDi.it

Registrazioni di polvere cometaria che ha colpito l’asteroide Ryugu


Ryugu è un asteroide vicino alla Terra che ha attirato molta attenzione quando la missione giapponese Hayabusa2 ha raccolto campioni e li ha riportati sulla Terra. Questi campioni hanno dimostrato di offrire un tesoro di approfondimenti sui sistemi solari, compreso il possibile ruolo degli asteroidi nel trasportare molecole organiche sulla terra.

Ora, un team di scienziati ha condotto un’indagine approfondita sui campioni di Ryugu, scoprendo prove che indicano che la materia organica cometaria viene trasportata dallo spazio alla regione vicina alla Terra.

Il team comprendeva Megumi Matsumoto, un assistente professore del Dipartimento di Scienze della Terra presso la Tohoku University Graduate School of Science. I dettagli dei loro risultati sono stati pubblicati sulla rivista Progressi della scienza il 19 gennaio 2024.

L’asteroide Ryugu non ha atmosfere protettive e il suo strato superficiale è direttamente esposto allo spazio. Piccole polveri interplanetarie nello spazio possono colpire la superficie dell’asteroide, causando cambiamenti nella composizione dei materiali della superficie dell’asteroide.

Matsumoto e i suoi colleghi hanno rivelato che le superfici del campione contengono piccoli “schizzi di fusione”, di dimensioni variabili da 5 a 20 micrometri. Questi schizzi di fusione sono stati creati quando micrometeoroidi di polvere cometaria hanno bombardato Ryugu.

“Le nostre immagini TC 3D e le analisi chimiche hanno mostrato che gli schizzi di fusione sono costituiti principalmente da vetri di silicato con vuoti e piccole inclusioni di solfuri di ferro sferici”, afferma Matsumoto. “La composizione chimica degli schizzi di fusione suggerisce che i silicati idrati di Ryugu si siano mescolati con polvere cometaria.”

La miscelazione e la fusione dei materiali superficiali di Ryugu e della polvere cometaria durante il riscaldamento indotto dall’impatto e il rapido raffreddamento hanno formato gli schizzi di fusione. I vuoti corrispondono al vapore acqueo rilasciato dai silicati idrati del Ryugu e successivamente catturato negli schizzi di fusione.

L’analisi ha inoltre rivelato piccoli materiali carboniosi con abbondanti nanopori e inclusioni di solfuro di ferro negli spruzzi di fusione. I materiali carboniosi sono strutturalmente simili alla materia organica primitiva nella polvere cometaria, sebbene siano privi di azoto e ossigeno, il che li rende chimicamente diversi dalla materia organica.

“Proponiamo che i materiali carboniosi si siano formati dalla materia organica cometaria attraverso l’evaporazione di sostanze volatili, come azoto e ossigeno, durante il riscaldamento indotto dall’impatto. Ciò suggerisce che la materia cometaria sia stata trasportata nella regione vicino alla Terra dal sistema solare esterno, ” aggiunge Matsumoto. “Questa materia organica potrebbe essere i piccoli semi della vita una volta consegnati dallo spazio alla Terra.”

Guardando al futuro, il team spera di esaminare i campioni di Ryugu per trovare ulteriori schizzi di fusione che forniranno ulteriori informazioni sull’afflusso di materiali spaziali primitivi sulla Terra.



Source link

Cosa vuoi trovare?